«Un enorme piacere di guida»

Stop ai box: Stéphane Peterhansel

«Un enorme piacere di guida»

16 novembre 2021 upsa-agvs.ch – Vari personaggi di spicco del ramo parlano di strategie e temi di attualità. Oggi Stéphane Peterhansel, leggenda del motorismo, ci svela i preparativi per la Dakar. Il 14 volte vincitore della Dakar, residente nel Vallese, parte per la prima volta con un bolide elettrico.
 
artikel_0.jpg
La leggenda dell'automobilismo Stéphane Peterhansel ha vissuto per anni in Vallese e ora guida un'Audi anche lontano dal deserto. Fonte: Audi

jas. Signor Peterhansel, il 2 gennaio 2022 inizierà la sua 34a Dakar. Avrebbe mai pensato di affrontare la corsa nel deserto più dura del mondo con un motore elettrico a convertitore di energia?
Stéphane Peterhansel, leggenda dei rally e svizzero d’elezione: Non ci avrei mai creduto. La cosa più bella delle nostre prove è che questa propulsione garantisce un’enorme gioia di guida che non avrei mai immaginato. Questa idea spiana così la strada alla diffusione delle elettriche anche nella vita di tutti i giorni. La nostra RS Q e-tron sprigiona costantemente una potenza e una coppia incredibili. Nessun’auto con un classico motore a combustione è in grado di farlo. Poiché non c’è cambio e non devo cambiare marcia, posso concentrarmi completamente sulla guida offroad. Per me l’acustica è ancora insolita. Con i suoi numeri di giri e con la sua rumorosità, il trasformatore di energia non esegue direttamente i comandi dell’acceleratore come nei motori a combustione.
 
artikel_1.jpg
Stéphane Peterhansel, leggenda del rally e svizzero per scelta (davanti) con il suo nuovo co-pilota Edouard Boulanger. Fonte: Audi
 
Quali consigli ha dato al team di ingegneri Audi durante lo sviluppo?
Audi conosce molto bene la propulsione elettrica grazie ai suoi precedenti progetti, sia quella ibrida di Le Mans, sia quella elettrica a batteria della Formula E. Noi piloti sappiamo esattamente quali sono i requisiti del Rally Dakar in termini di telaio, sospensioni e altri componenti. Oltre a tante idee dettagliate, il nostro consiglio generale è stato: non conta l’ultimo decimo di secondo ma l’affidabilità.
 
Per Audi la Dakar 2022 è la prima. Peraltro la disputa con un nuovo concept di veicolo. Alla luce dei suoi oltre 30 anni di esperienza nel motorismo, cosa ritiene realistico?
Prima non effettueremo altri rally ma ci concentreremo interamente sulle prove. A ciò si aggiunge il fatto che il carattere del Rally Dakar 2022 cambierà notevolmente a causa dell’andamento del percorso. Nel 2021 passava su un fondo molto roccioso. A gennaio ci aspettano le dune dell’Empty Quarter dell’Arabia Saudita. Non vedo l’ora di batterle. Questo mi ricorda i tempi della Dakar in Africa. Ma prima bisogna vincere questa sfida. Si tratta quindi di raggiungere il traguardo dopo migliaia di chilometri di deserto senza grandi contraccolpi. Se riusciremo in questo intento, sarei felice di essere tra i primi cinque.

artikel_3.jpg
Audi vuole avere successo alla Dakar 2022 con la RS Q e-tron con trazione elettrica e convertitore di energia. Fonte: Audi

 
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

1 + 2 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti