Invocato il divieto agli pneumatici rumorosi



31 ottobre 2018 agvs-upsa.ch - Il traffico stradale è la prima fonte d’inquinamento acustico in Svizzera. Lo sottolineano gli ultimi dati della Confederazione. Pneumatici più silenziosi riducono ampiamente il rumore, motivo per cui viene invocato addirittura un divieto agli pneumatici rumorosi. Ecco il parere dell’UPSA.

srh. Nel bel mezzo della stagione del cambio gomme, un servizio del notiziario «10 vor 10» attira l’attenzione. La Confederazione ha pubblicato alcune cifre sull’inquinamento acustico, individuando come causa principale proprio gli pneumatici. Già a partire dai 30 km/h la rumorosità del rotolamento sovrasterebbe quella del motore. «I conducenti non se ne accorgono perché dall’abitacolo sentono il motore e non gli pneumatici», spiega Markus Chastonay, presidente di Cercle Bruit Svizzera, l’associazione dei responsabili cantonali per la prevenzione del rumore. Quanto incidano gli pneumatici sulla rumorosità lo dimostra un recente studio della Confederazione: se tutti i veicoli in Svizzera fossero dotati di pneumatici silenziosi, a livello acustico sembrerebbe di avere sulle strade la metà delle auto.

Pneumatici silenziosi? Ne avete mai sentito parlare? Dal 2012, ogni pneumatico reca un’etichetta che indica l’efficienza energetica in termini di consumo di carburante, l’aderenza su fondo bagnato e la rumorosità del rotolamento esterno. «I clienti non sono interessati all’etichetta degli pneumatici, ma si affidano a noi», dice il rivenditore di pneumatici Louis Bögli (Zuchwil) a «10 vor 10». Markus Peter, responsabile Tecnica automobilistica e Ambiente dell’UPSA, presenta il punto di vista dei garagisti: «I clienti s’informano su Internet in merito agli pneumatici consultando i vari test effettuati e poi si recano in officina con queste informazioni».

Il garagista risponde alle richieste del cliente, afferma Peter. E queste sono: auto più grandi, pneumatici più larghi. Questa tendenza è diametralmente opposta all’esigenza di ridurre l’inquinamento acustico. Chastonay chiede pertanto un «divieto per gli pneumatici molto rumorosi. In fin dei conti, anche le lampadine inefficienti sono state vietate». Tuttavia, questo appello non avrà seguito. Da un lato, la Svizzera è vincolata da accordi europei, il che ne renderebbe difficile l’attuazione. Dall’altro, prosegue Markus Peter, la richiesta è esagerata: «gli pneumatici migliorano di anno in anno». In altre parole, i garagisti possono sempre far riferimento a questo servizio di «10 a 10» nei colloqui con i clienti e proporsi nella consulenza di pneumatici silenziosi ed efficienti.